Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Tennis

Tennis: Iga Swiatek, il cyborg polacco che non conosce limiti

La classe 2001 ha già vinto tre tornei del Grande Slam e non ha alcuna intenzione di fermarsi. Dagli esordi, con tanto di successo ai French Open, fino ad un 2023 segnato da qualche delusione di troppo.

L'erede di Agnieszka Rawanska. Risultati alla mano, anche meglio. Questo basta per comprendere la forza dell'astro nascente Iga Swiatek, numero uno al mondo e già in grado di imporsi in tre tornei del Grande Slam. Una predestinata, insomma, già capace di fare meglio di una leggenda del tennis polacco come la già citata Radwanska, che in carriera non è andata oltre la finale di Wimbledon e del secondo posto nel ranking WTA. Per la serie, qui si fa la storia, qui inizia una nuova era per il tennis della Rzeczpospolita Polska.

Si fa la storia non solo perché parliamo di uno dei più grandi talenti che il tennis europeo abbia mai conosciuto, ma anche perché siamo al cospetto di una “piacevole anomalia” se si pensa all’incarnazione femminile di questo sport. Parliamo, infatti, di una giocatrice che - preso a modello il suo idolo Rafa Nadal - ha uno stile di gioco più vicino al tennis maschile, come dimostrano il suo stile decisamente aggressivo e a tutto campo. Sconcertano i numeri del suo topspin (con massime che si avvicinano proprio a quelle di Nadal) e alla velocità del diritto e del rovescio che fanno quasi gridare al miracolo. Il suo stile di gioco è molto energico e si sviluppa spesso sulla linea di fondo. 

Il 2023 non sta andando alla grandissima: serve una vittoria agli Open di Francia per difendere il primo posto WTA

Dopo gli exploit di questi anni, Iga Swiatek è stata fin qui protagonista di un 2023 segnato da qualche delusione di troppo. Le cose sono andate storte sin dall'inizio dell'anno nuovo, con l'eliminazione negli ottavi di finale dell'Australian Open per mano di Elena Rybakina: la kazaka, che ha eliminato la polacca anche nelle semifinali dell'Indian Wells, si candida al ruolo di bestia nera anche in vista dei French Open.

Proprio il torneo transalpino risulta decisivo in ottica primo posto: in caso di K.O. anche in un turno non lontanissimo dalla finale, sarebbe nei fatti inevitabile il sorpasso della bielorussa Aryna Sabalenka. Per evitarlo, insomma, serve la migliore Swiatek possibile, quella vista recentemente al WTA 500 di Stoccarda (vittoria in finale proprio contro la diretta concorrente) e precedentemente al Qatar Open. 

Da evitare, invece, le prestazioni tutt'altro che convincenti messe in campo non solo in Australia, ma anche nella finale del 1000 di Dubai, dove è stata sconfitta dalla ceca Barbora Krejcikova. La speranza, inoltre, è che non sopraggiungano altri problemi fisici, gli stessi (vedi alla voce infortunio alla costola) che recentemente le hanno impedito di difendere il titolo al Miami Open.

L’obiettivo di Iga Swiatek è chiaro: ripetere gli exploit del 2022

L'anno migliore della (breve) carriera di Iga Swiatek è senza ombra di dubbio il 2022, quando raggiunge per la prima volta la posizione numero 1 del ranking per effetto del ritiro di Ashleigh Barty. Proprio in quei giorni si impone nel torneo di Miami. Durante quella magica stagione si impone in due diversi tornei del Grande Slam: prima fa il bis agli Open di Francia superando l'americana Coco Gauff, poi si impone per la prima volta agli US Open avendo la meglio sulla tunisina Ons Jabeur. Guardando al computo generale, in un 2022 da incorniciare partecipa a 16 tornei e ne vince metà. Una cannibale.

Gli anni degli esordi: l’incredibile (prima) vittoria agli Open di Francia

Che siamo al cospetto di una predestinata è chiaro sin dal 2020, quando a diciannove anni non ancora compiuti si impone per la prima volta agli Open di Francia. Si tratta della prima finale in un torneo del Grande Slam e Iga fa subito centro: nei turni precedenti supera la Vondrousova (finalista dell'edizione precedente), la testa di serie Simona Halep e altre giocatrici top come Martina Trevisan e Nadia Podoroska. In finale completa il capolavoro superando la campionessa dell'Australian Open 2020, Sofia Kenin, infliggendole un inequivocabile 6-4, 6-1. 

Per il resto, agli inizi di carriera, da segnalare il successo al Foro Italico nel 2021 e l'approdo nella top 5 del ranking WTA dopo la sconfitta in semifinale al torneo di Ostrava. Da lì in avanti, una carrellata impressionante di successi, per uno dei maggiori talenti che il tennis femminile abbia mai conosciuto. Un cyborg.

Notizie Tennis

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.