Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Serie A

Serie A: Udinese, l'obiettivo è migliorarsi

La scorsa stagione si è chiusa in flessione per la squadra di Sottil, che adesso con una rosa rinnovata punta a concludere tra le prime dieci.

Con la doppia vittoria sull'Al Rayyan si è chiuso il precampionato dell'Udinese. Da venerdì prossimo sarà tempo di sfide ufficiali, con la prima gara di Coppa Italia, mentre dalla settimana successiva scatterà il campionato. Dove la missione per la formazione guidata da Sottil è quella di migliorare la dodicesima posizione finale, provando a chiudere nella parte sinistra della classifica. Le premesse ci sono tutte, perché i bianconeri si presentano ai nastri di partenza della nuova stagione con una squadra giovane, valida e ambiziosa. 

Udinese 2023/24, i movimenti di mercato

Rispetto all'anno scorso sono andati via Becao, approdato al Fenerbahçe, Udogie, passato al Tottenham, Martins, ceduto al Watford, Arslan (Melbourne City) e soprattutto Samardzic, ormai a un passo dall'Inter, oltre agli svincolati Pereira, Nestorovski, Zegelaar e Benkovic. Le novità più interessanti in entrata sono rappresentate da Zarraga, mezzala prelevata dall'Athletic Bilbao, da Ferreira, Kamara e Quina, tris di acquisti dal Watford, da Camara, centrocampista dell'Huddersfield, da Zemura, esterno del Bournemouth, da Brenner, attaccante del Cincinnati, e da Lucca, centravanti in prestito dal Pisa dopo la poco felice esperienza all'Ajax. 

Dall'Inter, nell'ambito della trattativa per Samardzic, potrebbe arrivare uno dei protagonisti dell'ultima promozione del Frosinone, il gioiellino Fabbian. Le trattative sono ancora aperte e non sono da escludere sorprese. I tifosi friulani, in particolare, temono possano esserci novità sul fronte Beto, attaccante finito nel mirino di diverse big.

La formazione tipo dell'Udinese 2023/24

Al netto dei possibili stravolgimenti delle ultime fasi di mercato, questa dovrebbe essere la formazione tipo dell'Udinese, col 3-4-1-2 come modulo di partenza: in porta Silvestri, linea difensiva formata da Perez, Bijol e Masina, sulle corsie laterali Ebosele e Zemura con Lovric e Walace a fare da cintura in mediana, Zarraga ad agire da trequartista e Beto-Thauvin coppia d'attacco, in attesa del pieno recupero di Deulofeu previsto per settembre e con Lucca pronto dalla panchina.

Udinese bella a metà nell'ultima stagione

Lo scorso anno si è chiuso con l'amaro in bocca per Sottil e per la dirigenza dell'Udinese. Dopo un'ottima prima parte di campionato, che aveva fatto sognare addirittura la qualificazione in Europa, i bianconeri hanno rallentato vistosamente nella seconda metà, perdendo posizioni e allontanandosi dal vertice. Il tecnico si è interrogato a lungo sui motivi della flessione, iniziata con l'uscita di scena di Deulofeu e proseguita poi essenzialmente fino al termine del campionato. 

Quest'anno la missione per la formazione bianconera è quella di mantenere un ritmo costante per tutto l'arco della stagione, praticando il tipo di calcio che aveva fatto apprezzare Sottil come uno dei migliori tecnici della nuova generazione: grande attenzione difensiva, pressing costante, rapidità nel ribaltamento dell'azione e schemi efficaci sulle palle inattive. 

Com'è andato il precampionato dei friulani

Diverse buone indicazioni per l'allenatore dell'Udinese dopo la serie delle amichevoli estive. Il ciclo di test è iniziato con la perentoria vittoria sugli austriaci del Klagenfurt, 5-1, cui ha fatto seguito il 2-0 sui ciprioti del Paphos. Successivamente è arrivata la vittoria probabilmente più importante e confortante, sotto il profilo del risultato e della prestazione: il 2-1 sul Lipsia, formazione di spicco della Bundesliga. Successo di prestigio griffato dalle reti di Samardzic e Semedo, inframezzate dalla rete del momentaneo pari dei tedeschi, messo a segno dal nuovo acquisto Openda. 

In seguito è arrivato l'unico ko, lo 0-1 contro un'altra grande di Germania, l'Union Berlino (rete di Rouissillon nel finale), cui hanno fatto seguito i due successi di fila sui qatarioti dell'Al Rayyan, allenati da una vecchia conoscenza del calcio internazionale: il portoghese Jardim. Entrambe le sfide si sono chiuse sul 2-1 per l'Udinese e in entrambi i casi i friulani sono stati bravi a ribaltare la situazione, nella prima partita con Beto e Thauvin, nella seconda – giocata da entrambi i tecnici attingendo a piene mani tra le seconde linee e tra i calciatori meno impiegati – con Lucca e Semedo. 

L'Udinese in Serie A: il calendario delle prime partite

Dopo la sfida di Coppa Italia al Catanzaro di venerdì 11 agosto, la serie A 2023/24 dell'Udinese si aprirà con la stessa gara che ha chiuso il campionato 2022/23: in casa contro la Juventus (domenica 20 agosto, ore 20:45). Un test subito impegnativo e di grande fascino, dunque, per la formazione friulana, che nella passata stagione ha saputo dar fastidio a diverse big. 

Lunedì 28, alle 18:30, la prima trasferta in casa della Salernitana. Ritorno all'Udinese Arena fissato per il 2 settembre alle 18:30 contro una neopromossa, il Frosinone, mentre per il 17 settembre alle 12:30 è in programma un'altra sfida con una formazione appena salita dalla Serie B, il Cagliari, in Sardegna.

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.