Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Serie A

Serie A: Napoli a Genova per riprendere la corsa

Dopo il ko di San Siro, gli azzurri devono tenere a distanza le milanesi e la Juventus. La Sampdoria invece è reduce dal successo di Reggio Emilia con il Sassuolo ma la classifica resta parecchio complicata.

Evento: Sampdoria-Napoli 
Luogo: Stadio Luigi Ferraris, Genova
Quando: 18:00, 8 Gennaio 2023
Dove vederla: Dazn

Dopo sedici partite è arrivata la prima sconfitta in campionato del Napoli. Gli azzurri restano saldamente al primo posto ma i punti di distacco sulla seconda in classifica sono diventati adesso cinque. Campionato riaperto, hanno scritto in molti, forse mai chiuso nonostante un rendimento certamente sopra la media mantenuto dalla squadra di Luciano Spalletti nella prima parte della stagione. 

Occhio ora alle trappole: la prima è domenica alle 18:00 allo stadio Luigi Ferraris di Genova contro una delle peggiori Sampdoria della storia. Troppo semplice? Sulla carta sì, ma i blucerchiati, dati per morti, sono improvvisamente tornati in vita a Reggio Emilia battendo il Sassuolo. 

Insomma, per venire a capo del prossimo match servirà comunque un Napoli old style. Le due compagini si sono sfidate complessivamente centoventotto volte con 53 vittorie dei campani, 34 dei doriani e 41 pareggi. A dirigere l’incontro sarà Rosario Abisso, 37 anni di Palermo, con al Var Paolo Valeri. Sguardo anche al mercato che ha visto le due società protagoniste di una tripla operazione: Bartosz Bereszyński e Nikita Contini in Campania, Alessandro Zanoli in Liguria. 

Come arriva la Sampdoria

Peggior attacco del campionato, con la miseria di otto reti segnate, e seconda peggior difesa dietro soltanto al Verona fanalino di coda. E zero vittorie in casa. Con questi numeri la Sampdoria si appresta ad ospitare quella che fino ad oggi è stata invece la migliore formazione dell’intero torneo. Le premesse sono quelle di un esito scontato, che però il calcio ci ha insegnato non esistere mai. La speranza tra i liguri è che il successo conquistato contro il Sassuolo abbia avuto un effetto positivo sui calciatori, tale da rinvigorire le loro convinzioni in ottica salvezza. 

Servirebbe un’impresa per una squadra che in quasi un intero girone è riuscita a racimolare appena nove punti. L’esempio da seguire è quello della Salernitana di un anno fa che dopo lo stesso numero di partite era ultima e con una lunghezza in meno. La storia ci ha abituati davvero a tutto: ma questa Samp, rimodellata da un mercato i cui effetti sono tutti da verificare, sarà capace di fare altrettanto?

Come arriva il Napoli

Quando si arriva così in alto c’è sempre il rischio delle vertigini, specialmente per chi non è abituato, che talvolta possono anche farti cadere. Ora il Napoli deve reagire dinanzi alla prima sconfitta subita in campionato, peraltro striminzita e su un campo da sempre difficile per i partenopei, ma non solo, come quello di San Siro. 

Gli amanti delle statistiche hanno recuperato il precedente della sconfitta dopo la sosta natalizia dell’ultimo scudetto vinto da queste parti. Più pragmaticamente Luciano Spalletti dovrà pensare a far tenere i piedi ben piantati sul terreno ai suoi, prima dell’atteso big match dello stadio Maradona contro la Juventus. C’è prima la Sampdoria, avversario modesto sulla carta, ma con un obiettivo preciso e quasi disperato da centrare. Gli azzurri devono rispolverare il loro arsenale offensivo, rimasto all’asciutto contro l’Inter, ma già protagonista di trentasette reti totali in campionato: nessuno è arrivato a tanto. 

Le probabili formazioni di Sampdoria-Napoli 

Nella Sampdoria in porta Audero; difesa a tre con Colley, Nuytinck e Murillo; a centrocampo Leris e Augello sulle corsie esterne con Rincon e Vieira coppia centrale dalle caratteristiche prettamente difensive; la qualità dovrà poi darla Djuricic impegnato tra le linee nel tentativo di fare arrivare palloni ai due attaccanti Lammers e Gabbiadini. Lunga la lista degli indisponibili, a partire da Amione squalificato e senza dimenticare l’ex Quagliarella.

Qualche cambio nel Napoli rispetto alla squadra di San Siro. Davanti a Meret troviamo Di Lorenzo, Kim, Juan Jesus e Mario Rui; Anguissa, Lobotka e Zielinski vanno verso la conferma nel reparto di centrocampo; davanti Osimhen non è in discussione mentre ai suoi lati dovrebbero esserci Lozano e Kvaratskhelia. 

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.