Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
it-it VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Calcio Internazionale

Qualificazioni Euro 2024: l’Italia prova l’aggancio all’Inghilterra

Per la classifica, per arrivare in Germania, per la storia e per la gloria. Tra Inghilterra e Italia non sarà mai un match come tutti gli altri. Ancora di più nel maestoso teatro di Wembley. 

Evento: Inghilterra-Italia
Luogo: Wembley, Londra
Data: 17 ottobre 2023
Orario: 20:45
Dove vederla: Rai Uno

Agganciare l’Inghilterra in classifica e possibilmente tenere a distanza l’Ucraina. Questo è il duplice obiettivo dell’Italia, reduce da una bella scorpacciata di gol contro Malta. Non si tratta di un obiettivo semplice per gli azzurri, che martedì 17 ottobre alle 20:45 saranno impegnati nell’imponente impianto di Wembley contro i Tre Leoni. 

In questo momento tra le due squadre c’è un divario di tre lunghezze, dettato proprio dal confronto dell’andata, nel quale la formazione guidata da Gareth Southgate riuscì ad espugnare il Diego Armando Maradona grazie alle reti di Rice e Kane su rigore, alle quali provò inutilmente a porre rimedio l’oriundo Retegui. Così l’Inghilterra trovò la sua vendetta dopo la finale dell’Europeo del 2021, nel quale invece fu proprio l’Italia a prevalere nella lotteria dei calci di rigore. Complessivamente i precedenti tra le due nazionali sono trentuno con un bilancio favorevole ai rappresentanti dello Stivale. Undici sono infatti le vittorie dell’Italia contro le nove degli inglesi, mentre undici sono le gare terminate in parità. 

Non si tratta di una partita come tutte le altre, data la rivalità nata nel lontano 1933 e mai cessata nel tempo. Per circa trent’anni gli azzurri non sono mai riusciti a battere gli avversari d’oltremanica, invertendo radicalmente la tendenza dall’amichevole del 1973 di Torino dopo la quale arrivarono numerosi successi. Oltre all’ultimo Europeo, ci sono altre esibizioni iconiche tra i due team. La prima fra tutte fu l’amichevole del 1934 con l’Italia che si era laureata campione del Mondo vincendo una manifestazione nella quale però l’Inghilterra non era presente. 

Così quella partita, sebbene non contasse nulla, venne caricata parecchio perché metteva di fronte, finalmente, quelle che erano considerate come le due compagini più forti del momento. Vinsero gli inglesi ma fu una battaglia, tanto che per gli azzurri fu coniato il termine di leoni di Highbury con quest’ultima che era la sede dell’evento. Ci fu poi la finale per il terzo posto del 1990 col bronzo portato a casa dall’Italia e le reti di Baggio e Schillaci. Una storia senza fine, in attesa del prossimo capitolo.

Come arriva l’Inghilterra

Dato il turno di riposo nel weekend scorso l’Inghilterra si è concessa un’amichevole contro l’Australia. Giusto per non perdere il ritmo e farsi trovare pronta in quella che possiamo considerare come la finale per il primo posto nel Gruppo C. Ebbene, il match si è concluso per 1-0 in favore dei Tre Leoni, bravi a capitalizzare la rete siglata dopo un’ora di gioco da Watkins. Ma non c’è bisogno di tante conferme per capire che questa è una squadra forte. 

Il ciclo era cominciato già nel 2021, quando l’esperienza azzurra riuscì ad avere la meglio sulla freschezza e sul talento dei rivali d’oltremanica. Nel frattempo, però, i ragazzi inglesi sono cresciuti ed hanno tra le proprie fila dei campioni o potenziali tali di tutto rispetto. Tolto il pari con l’Ucraina, nel girone la squadra di Gareth Southgate non ha sbagliato un colpo ed ora ha voglia di blindare la qualificazione. Anche per regalarsi la possibilità di vincere finalmente un titolo in una bacheca che è desolatamente vuota dal 1966.

Come arriva l’Italia

“Questa partita ci dirà chi siamo”. L’ha presentata così, Luciano Spalletti, Ct dell’Italia subentrato in corso d’opera a Roberto Mancini. Ed in effetti, se non vogliamo considerate attendibile il test, comunque passato a pieni voti, contro Malta, la prossima gara sarà effettivamente molto indicativa sullo stato di salute degli azzurri. La premessa è doverosa: il tecnico di Certaldo ha preso in mano da poco la squadra e non ha ancora avuto modo di costruirsi un vero e proprio gruppo. Al verdetto mancano all’appello tre partite. 

Ricordiamo che per ogni gruppo si qualificano direttamente le prime due classificate, mentre le otto migliori terze disputeranno gli spareggi a marzo insieme alle due squadre meglio piazzate nell'ultima edizione di Nations League. Con l’Italia che ha il vantaggio di arrivare comunque a prescindere dalla posizione in classifica agli eventuali spareggi. Ipotesi che naturalmente gli azzurri sperano ardentemente di evitare. 

Le probabili formazioni di Inghilterra-Italia

Southgate non si è bruciato tutte le carte nell’amichevole con l’Australia, lasciando fuori diversi titolari che saranno protagonisti nel prossimo match. Per l’Inghilterra davanti a Pickford dovremmo trovare Alexander-Arnold, Maguire, Dunk e Colwill; mediana a due con Rice ed Henderson; in attacco Kane è il riferimento con Saka, Bellingham e Rashford a sostegno.

4-3-3 per l’Italia con Donnarumma tra i pali; poi Di Lorenzo, Acerbi, Scalvini e Udogie; Barella, Cristante e Frattesi a centrocampo; davanti tocca al trio Berardi, Scamacca, El Shaarawy. Raspadori e Kean leggermente dietro nelle gerarchie.

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus

Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.