Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Calcio Internazionale

Qualificazioni Euro 2024: le partite dei gruppi D e J

Armenia e Croazia provano a insidiare il primo posto della Turchia in uno scontro importante per la qualificazione. Il Portogallo vuole prendere il largo nel match interno col Lussemburgo.

Evento: Armenia-Croazia
Luogo: Stadio repubblicano Vazgen Sargsyan, Erevan
Quando: 18:00, 11 settembre 2023
Dove vederla: Sky Sport Calcio (canale 202)

Nuova settimana, altri impegni delle nazionali nel percorso di qualificazione ai prossimi Europei in Germania del 2024. Nel Gruppo D in questo momento davanti a tutte c’è la Turchia, che resterà ferma nella sesta giornata lasciando campo libero alle altre per avvicinarsi. D’altra parte la formazione guidata da Stefan Kuntz è quella che ha disputato più partite di tutte: cinque in totale, compresa l’ultima che li ha visti impattare per 1-1 in casa contro l’Armenia agguantando il pari proprio in extremis. 

E allora occhio proprio agli armeni, squadra in crescita negli ultimi tempi e smaniosa di conquistare per la prima volta una vetrina internazionale. Da novantesimi del ranking, i ragazzi di Oleksandr Petrakov proveranno a mettere in cascina altri punti nel tentativo di raggiungere un traguardo che sarebbe storico. Non semplice, comunque, il prossimo impegno dell’Armenia, sebbene davanti al proprio pubblico presso lo stadio repubblicano Vazgen Sargsyan di Erevan. 

Qui arriva la Croazia, che ha certamente meno bisogno di presentazioni, reduce come è da un terzo posto all’ultimo Mondiale versione invernale di Qatar. Completa il quadro del turno Lettonia-Galles, con i padroni di casa ancora a secco con quattro sconfitte in altrettante gare e con i britannici che invece una vittoria l’hanno portata a casa proprio nella gara d’andata. Tutto ancora in bilico, insomma, quando siamo a metà del cammino.

Come arriva l’Armenia

Dopo la trafila tra le varie nazionali ucraine, da quelle giovanili alla maggiore, Oleksandr Petrakov ha accettato di raccogliere la sfida Armenia. Dopo l’inizio stentato, con sconfitta interna subita per mano della Turchia la sua squadra ha iniziato ad ingranare la marcia giusta. Sono infatti arrivati due successi, prima in Galles e poi in casa contro la Lettonia. L’ultimo risultato, il pareggio ottenuto a Eskişehir, ha probabilmente rinvigorito ulteriormente le speranze del team di uscire indenne da un girone complicato ma aperto a qualsiasi possibile conclusione, dato l’equilibrio che momentaneamente permane. 

Certo, la prossima sarà una sfida fortemente indicativa per capire le reali possibilità dell’Armenia contro quella che è potenzialmente la compagine più forte del gruppo. Nella rosa del Ct ucraino non ci sono stelle, specialmente dopo l’addio annunciato nel 2022 dell’interista Mkhitaryan. C’è comunque un po’ di qualità dalla quale attingere per tentare l’impresa.

Come arriva la Croazia

La Croazia è quella che ha meno partite sul groppone rispetto alle altre. Anche così si spiega il mancato primo posto dei balcanici in favore della Turchia. L’ultima esibizione della nazionale croata è stata una vera e propria passeggiata, testimoniata anche dal rotondo punteggio con il quale si è liberata della Lettonia, anello debole del gruppo. 

Terza al Mondiale, finalista nella Nations League con sconfitta arrivata soltanto ai rigori contro la Spagna: la squadra di Zlatko Dalić vorrebbe togliersi di dosso la fama di eterna incompiuta. Forte sì, ma che non vince mai. Occorre inoltre capitalizzare le ultime battute di una manciata di campioni, capitanati da Luka Modric, che prima o poi appenderanno inevitabilmente le proverbiali scarpette al chiodo. Prima di tutto all’Europeo bisogna arrivarci. Poi si penserà al resto.

Le probabili formazioni di Armenia-Croazia

Armenia molto coperta con un 4-5-1 che vede Cancarevic tra i pali; Dashyan, Haroyan, Harutyunyan e Mkrtchyan in difesa; a centrocampo troviamo Iwu, Spertsyan, Bichakhchyan, Zelarayan e Tiknizyan; Ranos è l’unica punta.

Più spregiudicata la Croazia che si affida a Livakovic; linea difensiva composta da Juranovic, Sutalo, Gvardiol, Sosa; Brozovic e Modric in mediana; davanti ci sono Kramaric, Ivanusec, Perisic a sostegno del numero 9 Petkovic.

Evento: Portogallo-Lussemburgo
Luogo: Stadio Algarve, Faro
Quando:  20:45, 11 settembre 2023
Dove vederla: Sky Sport (canale 256), Cielo

Cristiano Ronaldo per la prima volta dopo 19 anni non è stato preso in considerazione per il Pallone d’Oro. Tuttavia, il 38enne che attualmente milita tra le fil dell’Al-Nassr in Arabia Saudita continua ad essere un punto di riferimento per la sua Nazionale. Sono già 5 le reti di CR7 nel cammino di qualificazione del Portogallo: solo Hojlund, Lukaku e McTominay hanno fatto meglio fin qui. I lusitani viaggiano a punteggio pieno con 5 vittorie in altrettante gare, inseguiti dal Lussemburgo – prossimo avversario – e dalla Slovacchia che hanno 5 lunghezze in meno. All’andata la compagine di Martinez vinse addirittura 6-0.

Le probabili formazioni di Portogallo-Lussemburgo

Nel Portogallo Dalot, Ruben Dias, Antonio Silva e Cancelo sono schierati a protezione del n.1 Diogo Costa; Vitinha, Palhinha e Bruno Fernandes a centrocampo; in attacco Ronaldo centravanti con Bernardo Silva e Leao ai lati.

4-4-2 per il Lussemburgo con Moris in porta; poi M. Martins, Mahmutovic, Chanot e Pinto; Sinani, C. Martins, Olesen, Barreiro compongono il centrocampo; Curci e Borges Sanches il tandem offensivo. 

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.