Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Calcio Internazionale

Qualificazioni Euro 2024: c’è Croazia-Turchia nel Gruppo D

Primo posto in ballo nel girone con lo scontro diretto tra le due capoliste. Alle loro spalle preme l’Armenia che vuole far punti contro una Lettonia già spacciata. 

Evento: Croazia-Turchia
Luogo: Opus Arena, Osijek
Data: 12 ottobre 2023
Orario: 20:45
Dove vederla: Sky Sport

Riprende la marcia verso Germania 2024. Nel Gruppo D situazione abbastanza equilibrata con Croazia e Turchia appaiate a dieci punti in vetta classifica e con Armenia e Galles pronte ad inserirsi a tre lunghezze di distanza. C’è ancora tempo, quando siamo alla metà esatta del percorso, per ridefinire nuovamente le gerarchie del girone. Qualcosa in più potrà dire il prossimo turno che all’Opus Arena di Osijek mette a confronto proprio le prime due della classe. All’andata furono i croati a prevalere sui rivali grazie alla doppietta dell’ex interista, oggi in forza al Manchester City, Mateo Kovacic. E il bilancio complessivo degli scontri diretti è proprio favorevole alla Croazia, con quattro successi in dieci partite. Due sono invece le vittorie della Turchia, con quattro pareggi. Prima dell’inizio del girone di qualificazione per l’Europeo, i due team si erano affrontati l’ultima volta nel 2018 quando si concorreva per il Mondiale in Russia. In quella circostanza a prevalere furono gli ottomani ai quali bastò la rete di Tosun per l’1-0 finale.

Come arriva la Croazia

Vincere finalmente un titolo. Questa è l’ambizione della Croazia che ha vissuto una generazione di talenti straordinari, oggi arrivati per la maggior parte al culmine della carriera. Ci ha provato con la Nations League la formazione guidata da Zlatko Dalic fermandosi soltanto in finale ai calci di rigore contro la Spagna. Prima di allora altri risultati prestigiosi erano stati conseguiti, ma sempre senza portare nulla a casa alla fine se non medaglie di contorno per quanto di valore. Per tanti, Luka Modric in primis, la prossima potrebbe essere l’ultima opportunità di vincere qualcosa di importante. Ecco perché i croati devono provare a chiudere quanto prima il discorso qualificazione per garantirsi l’accesso al prossimo Europeo. La classifica attuale è decisamente buona e recita primo posto al pari della Turchia ma con una partita in meno giocata. E dopo il successo dell’andata sugli ottomani un’ulteriore nuova vittoria potrebbe rappresentare un passo ormai definitivo verso la rassegna tedesca. I focosi, così come sono ribattezzati in patria, arrivano all’appuntamento da tre successi di fila. In totale su 4 partite ne hanno vinte 3 pareggiandone una, con 9 gol fatti e solo uno subito.

Come arriva la Turchia

Un aeroplanino per volare in Germania. Dallo scorso settembre la Turchia ha deciso di esonerare Stefan Kuntz prendendo al suo posto l’italiano Vincenzo Montella. Dietro l’addio dell’ormai ex allenatore tedesco ci sono gli ultimi risultati, non esaltanti, ottenuti dalla squadra e soprattutto un gioco che non entusiasmava il gusto di supporter e dirigenza turca. Che ha così deciso di ripartire con una nuova guida tecnica. Montella conosce già l’ambiente, avendo avuto la possibilità di allenare in Süper Lig l’Adana Demirspor dove ha ottenuto un traguardo importante come la qualificazione della sua squadra alla Conference League grazie al quarto posto dell’ultimo campionato. Adesso per il 49enne campano c’è una sfida indubbiamente più grande, sebbene la situazione di classifica della Turchia sia già piuttosto buona. Sono dieci i punti conquistati sotto la precedente gestione in 5 partite. Vero che Armenia e Galles pressano alle spalle, ma Calhanoglu e compagni hanno il destino nelle loro mani. 

Le probabili formazioni di Croazia-Turchia

Nella Croazia davanti a Livakovic troviamo linea difensiva a 4 con Juranovic, Sutalo, Gvardiol e Sosa; Brozovic da play con Modric e Kovacic a centrocampo; in attacco Petkovic è il centravanti con Kramaric e Vlasic in appoggio. 

Turchia con Günok in porta; difesa formata da Celik, Demiral, Söyüncü e Kadioglu; mediana a due con Ozcan e Kökçü; davanti troviamo Ünder, Calhanoglu e Aktürkoğlu a sostegno dell’unica punta Enes Ünal. Occhio allo juventino Yildiz, convocato da Montella anche per scongiurare il rischio di una convocazione con la Germania.

Armenia a Riga per restare in corsa

Evento: Lettonia-Armenia
Luogo: Skonto Stadium, Riga
Data: 12 ottobre 2023
Orario: 18:00
Dove vederla: Diretta gol su Sky Calcio

Chi non si arrende a un duopolio Croazia-Turchia è l’Armenia che forte dei 7 punti già messi in cascina vuole provare a giocarsi il tutto per tutto nel rush finale. Mkhitaryan e compagni dovranno prendere il bottino pieno nel prossimo match di Riga per continuare a sperare, approfittando anche del fatto che la Lettonia è ormai fuori dai giochi avendo sempre perso.

Le probabili formazioni di Lettonia-Armenia

Lettonia con Ozols tra i pali; difesa composta da Savalnieks, Dubra, Cernomordjis e Ciganiks; centrocampo con Emsis, Toubers e Jaunzems; in attacco Krollis, Ikaunieks e Uldrikis.

4-3-3 pure per l’Armenia che si affida a Cancarecic in porta; pacchetto arretrato completato da Harutyruyan, Calisir, Mkrychyan e Tiknizyan; Dashyan, Uguchukwu e Bichakhchyan a centrocampo; Ranos, Spertsyan e Zelarayan nel trio offensivo.

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus

Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.