Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Nazionale

Nazionale: le prossime sfide degli azzurri di Spalletti con vista Euro 2024

Malta prima e Inghilterra poi saranno le avversarie di Immobile e compagni. L’obiettivo è avvicinarsi al traguardo difendendo l’attuale secondo posto dagli assalti di Ucraina e Macedonia. 

Luciano Spalletti ha ricevuto le chiavi di Coverciano neppure due mesi fa. Ma poco importa. Perché il tecnico di Certaldo, ancora fresco dello scudetto vinto con il Napoli, avrà poco tempo a disposizione per centrare la missione della qualificazione ai prossimi Europei di Germania. Restano quattro partite, due delle quali imminenti, per consentire all’Italia di evitare un altro fallimento che sarebbe ancor più clamoroso dei precedenti due (le mancate partecipazioni agli ultimi due Mondiali, per intenderci). 

La situazione del Gruppo B è abbastanza chiara, con l’Inghilterra ormai ben avviata verso un primo posto quasi mai in discussione. E con gli azzurri che invece devono ancora lottare per blindare l’attuale secondo posto, utile per centrare il traguardo. Dopo il ko all’esordio in casa con i Tre Leoni, sono arrivate due vittorie e un pareggio contro la Macedonia, ancora una volta indigesta come nell’episodio precedente. I punti attualmente sono sette per l’Italia, gli stessi dell’Ucraina e della già citata Macedonia che rappresentano le due antagoniste e che però hanno una partita in più sul groppone. Zero le chance di Malta che ha sempre e solo perso e che quindi è ultima con zero punti. Insomma, hanno il destino nelle proprie mani gli azzurri e dovranno giocarselo in questo rush finale che decreterà la sua sentenza definitiva il 20 novembre, giorno di Ucraina-Italia, o forse anche prima. 

Chissà. Con un salvagente che si spera di non dover utilizzare: anche in caso di arrivo dalla terza posizione in giù, l’Italia avrebbe la certezza di andarsi a giocare gli spareggi considerato il fatto che è stata semifinalista all’ultima Nations League. Naturalmente, in caso di arrivo a pari punti con una delle altre due del gruppo occorrerebbe valutare gli esiti degli scontri diretti, la differenza reti all’interno di essi e i gol fatti. Tanti discorsi da fare, ancora prematuri per una squadra che ha tutte le carte in regola per farcela da sola, senza dover ricorrere a calcoli.

Si comincia contro Malta con l’obbligo di vittoria

Due gli impegni per la nostra Nazionale nei prossimi giorni. Il primo sarà sabato sera alle 20:45 contro Malta allo stadio San Nicola di Bari. All’andata gli azzurri, sotto la guida dell’ex Ct Roberto Mancini si imposero per due reti a zero con le firme di Mateo Retegui e Pessina. Affrontiamo senza dubbio la squadra più debole del girone, ancora ferma a zero punti con undici gol subiti e appena uno fatto. Vero è che non bisogna mai dare nulla per scontato, con l’Italia che talvolta ci ha regalato qualche sorpresa non delle più gradevoli, ma in questo caso i tre punti devono davvero essere un obbligo per la formazione di Luciano Spalletti se davvero vuole concedersi un viaggetto in Germania in vista del prossimo anno. 

L’allenatore di Malta, come ormai ben sappiamo, è italiano. Si tratta di Michele Marcolini, ex centrocampista che ha giocato per tanti anni in Serie A tra Atalanta e Chievo. Dal 15 dicembre 2022 ha preso il posto di Devis Mangia al timone dei cavalieri di San Giovanni posizionati alla casella numero 171 del ranking mondiale. Non ci sono giocatori di spicco all’interno della rosa maltese, che abitualmente gioca con la difesa a tre e che cerca attraverso l’organizzazione tattica di sopperire alle evidenti lacune tecniche.

La crescita dell’Inghilterra dall’ultimo Europeo e le difficoltà dell’Italia

Dopodiché ci sarà l’Inghilterra e questa sì che sarà una bella sfida. Da quell’Europeo del 2021 che le ha viste entrambe protagoniste in finale è cambiato il mondo. L’Italia, che sembrava fosse pronta per spiccare il volo ha visto bruscamente arrestare la propria crescita, tant’è che ha bucato la qualificazione al Mondiale e ha ridotto sensibilmente la qualità del gioco. Cambiando, tra l’altro, anche guida tecnica seppur per volontà dell’ex Ct. 

Di contro i Tre Leoni hanno confermato il loro trend in perenne crescita e oggi sembrano più maturi rispetto ad allora, come testimoniato anche dall’ottimo cammino all’interno del girone, ma se vogliamo anche in Qatar dove tutto è finito ai quarti di finale per mano della Francia dopo un’appassionante ed equilibrata battaglia.

 Giovane, fresca, ricca di qualità: la squadra di Southgate è in rampa di lancio. Saka, Bellingham, Foden, Rashford, Rice, Alexander-Arnold e il veterano Kane in un gruppo che potrebbe finalmente essere pronto a raccogliere i frutti del duro lavoro attuato nel corso degli anni. Ma anche l’Italia sta provando a cambiare pelle, con Spalletti al comando e con un gruppo che non è lo stesso dello scorso 23 marzo. 

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus

Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.