Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Motori
  2. MotoGP

MotoGP: Gran Premio San Marino, trionfa Jorge Martin, ma Bagnaia è super

Prova sontuosa dello spagnolo, che riapre definitivamente il Mondiale. Ma il campione in carica e Bezzecchi si difendono alla grande nonostante i problemi.

Ora Jorge Martin può sognare in grande. Lo spagnolo della Ducati Pramac è protagonista di una due giorni perfetta in quel di Misano, conquistando prima la gara sprint di sabato e poi il Gran Premio della domenica. Dal canto suo, si difende con i denti il campione del mondo in carica Francesco Bagnaia: dopo lo spaventoso incidente a Montmelò, il ducatista “ufficiale” scende in pista nonostante il dolore alle gambe e riesce a limitare i danni con due terzi posti che hanno del miracoloso. Uno spirito di sacrificio che a fine stagione potrebbe risultare decisivo: basti pensare che Martin riesce a guadagnare 14 punti, pochissimi se si pensa ai 37 accumulati dallo spagnolo grazie al doppio successo nel Gran Premio di San Marino. In pratica, in caso di forfait di Bagnaia, il Mondiale sarebbe ancora più aperto, con Martin che si ritroverebbe a 13 lunghezze da Bagnaia e non, come adesso, distanziato di 36 punti. In ogni caso, la netta impressione è che il classe '98 nativo di Madrid possa finalmente giocarsi le sue carte per il titolo iridato, dopo due stagioni tutt’altro che entusiasmanti nella categoria regina.

La gara: Martin vince, ma Bagnaia e Bezzecchi si difendono bene nonostante gli infortuni

Tanti gli spunti che ci regala il GP di San Marino e della Riviera di Rimini, ma è impossibile non partire dalla prova sontuosa di Bagnaia, a bordo di una moto tinta di giallo per omaggiare uno dei colori storici della mitica Ducati. Il campione del mondo è condizionato pesantemente dall'ematoma alla gamba destra rimediato dopo lo spaventoso scontro con Binder, ma la sua classe è più forte del dolore. Incredibilmente, il rider piemontese avrebbe potuto anche fare meglio, come certifica il secondo posto difeso per buona parte della gara e poi lasciato all'altro Ducatista Marco Bezzecchi, anche lui ancora in corsa per il titolo con i suoi 65 punti di distanza dallo stesso Bagnaia. Chi, invece, gioca una gara a parte è Jorge Martin Almoguera, classe '98 che finalmente si trova a gareggiare con i grandi dopo un biennio nel segno di delusioni e...di un lungo rodaggio. 

Adesso, il talento iberico sembra finalmente maturo: oltretutto, non è cosa di tutti i giorni vincere un Gran Premio di San Marino (di certo non il più facile del Circus) vestendo i panni del leader dalla prima all'ultima curva. Alle sue spalle, al secondo posto, l'altra Desmosedici di Bezzecchi, anche lui condizionato dalla caduta in terra catalana. Così, l'altro spunto possibile è che lo stesso Bezzecchi e soprattutto Bagnaia escano decisamente rafforzati dalla difficile due giorni di Misano: qui hanno dimostrato di essere vicini allo scatenato Martin anche se condizionati da guai fisici di varia natura. Per questo, la sosta di una settimana prima del Gran Premio d'India può risultare nei fatti decisiva.

Il saliscendi del Motomondiale: bene Pedrosa e Marquez, delusione Aleix Espargarò

La vera notizia di giornata è il quarto posto di un "grande vecchio" della MotoGP come Dani Pedrosa. Lo spagnolo, 37 primavere, wild card della KTM, è protagonista di una prova spettacolare conclusa con un esaltante quarto posto. Dietro al fuoriclasse di Sabadell, decisamente più staccate, troviamo le due Aprilia di Vinales e Oliveira e soprattutto un Marc Marquez finalmente convincente. L'otto volte campione del mondo conquista un ottimo settimo posto e può vivere con fiducia le prossime due settimane, decisive per la sua Honda. Più dietro, tra le note negative, da segnalare il deludente 12esimo posto di Aleix Espargarò: dopo i due successi in tre Gran Premi, il 34enne della Aprilia esce ridimensionato e a conti fatti si tira fuori dalla corsa per il Mondiale, alla luce dei 111 punti di distacco da Bagnaia e dei quattro rider che si ritrova davanti nella classifica piloti.

Tra due settimane si corre in India

Dopo la sosta di una settimana, preziosa per Bagnaia e Bezzecchi per recuperare dai rispettivi infortuni, il Motomondiale sbarca in India per il primo appuntamento della storia sul Buddh International Circuit, situato nella città di Greater Noida. Si tratta di un debutto per le due ruote ma non per i motori in generale: tra il 2011 e il 2013 si sono tenuti qui tre Gran Premi di Formula Uno, tutti vinti dal tedesco Sebastian Vettel a bordo della Red Bull. 

Notizie MotoGP

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.