Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Motori
  2. Formula 1

F1: Gran Premio d’Olanda: nona meraviglia (e record) per Verstappen

Il due volte campione del mondo vince davanti al suo pubblico, pareggiando il primato di Vettel. Secondo posto per Alonso.

Max Verstappen sempre più nella storia. Con il successo nel Gran Premio d’Olanda, davanti al suo pubblico, il due volte campione del mondo conquista la nona vittoria consecutiva in questo 2023, eguagliando così il record di un’altra stella Red Bull come Sebastian Vettel. Sul circuito di Zandvoort, l’olandese volante si dimostra ancora una volta più forte di tutto e di tutti, anche del maltempo che stravolge le strategie di team e piloti in due momenti decisivi della corsa (al via e nel finale). 

Nessuna difficoltà, invece, per il fuoriclasse della Red Bull, che non si fa cogliere impreparato soprattutto ad inizio gara, quando la pioggia costringe le squadre al cambio gomme. Anche qui nessuno stress per Verstappen, che temporeggia e rientra ai box nel momento propizio, confermandosi - lui e lo staff della scuderia austro-britannica - perfetto anche quando si tratta di cambiare strategia in corsa. 

Ora per Verstappen - già a quota 11 vittorie stagionali - l’obiettivo è il record assoluto: domenica prossima si corre a Monza e il classe '97 nativo di Hasselt ha l'occasione di scrivere ancora una volta il suo nome nei libri di storia, diventando il primo pilota in grado di vincere 10 Gran Premi consecutivi. Numeri incredibili che mostrano la superiorità di un Max che quest’anno sta giocando un campionato a parte, come certificano i 138 punti di vantaggio sul compagno di squadra Sergio Perez (che, è bene ricordarlo, ha a disposizione la stessa vettura dell'olandese) e il +171 sull'intramontabile Fernando Alonso. Superlativo.

Gran Premio d’Olanda, cosa succede alla spalle di Verstappen

Alle spalle di Verstappen non c’è il messicano Sergio Perez, penalizzato da una gestione tutt’altro che all’altezza in occasione del diluvio a pochi giri dalla fine, ma l’eterno Fernando Alonso. Lo spagnolo della Aston Martin si avvicina sempre di più alla seconda piazza nella classifica piloti, galvanizzato da una prova ai limiti della perfezione, impreziosita dall’incredibile doppio sorpasso al via. 

In quel di Zandvoort, terzo posto per Pierre Gasly della Alpine: il francese torna sul podio a distanza di 14 mesi dalla terza piazza nel Gran Premio d'Azerbaigian del 2021. Una boccata d’ossigeno per una scuderia che sta vivendo una stagione deludente, lontanissima dal quarto posto conquistato l'anno scorso (la McLaren sembra decisamente avanti). Tirando le somme, per la Alpine si tratta del secondo bronzo stagionale dopo quello conquistato in quel di Monaco dal collega Esteban Ocon. Due (sole) soddisfazioni nell'ambito di una stagione tutt'altro che esaltante, ma c’è ancora tempo per rimediare.

Ferrari, controsorpasso di Sainz su Leclerc. Hamilton limita i danni

Perez, dicevamo, non va oltre il quarto posto: piccola grande delusione per il messicano, che rischia sempre di più di perdere anche il secondo posto nella classifica mondiale, con Alonso e anche Hamilton pronti ad approfittarne. Alle sue spalle, guardando all’ordine di arrivo del Gran Premio d’Olanda, tutt'altro umore per Carlos Sainz: per questa Ferrari, troppo discontinua e in fase di ricostruzione, anche un quinto posto fa morale. 

Con questo risultato, lo spagnolo effettua il più classico dei controsorpassi in classifica ai danni del compagno di squadra Charles Leclerc, a sua volta costretto al ritiro e protagonista di una gara ricca di difficoltà. Alle spalle del pilota iberico c'è il pluricampione del mondo Lewis Hamilton, distanziato solo sei decimi. Proprio in chiave Mercedes, giornata storta anche per George Russell, ultimo all'arrivo con 25 secondi di distacco da Tsunoda.

Domenica prossima si corre a Monza

Verstappen ha la possibilità di riscrivere la storia. Tra una settimana l’autodromo di Monza sarà teatro dell'attesissimo Gran Premio d'Italia e l’olandese non vuole lasciarsi sfuggire l’occasione di superare un altro pilota che ha fatto grande la Red Bull come Sebastian Vettel. L’obiettivo di Max, così, è bissare il successo dell’anno scorso in terra brianzola, quando ebbe la meglio su Leclerc e Russell. 

Una vittoria in ogni caso tutt'altro che scontata, anche solo considerando la voglia di riscatto delle due Ferrari (lo stesso Charles Leclerc qui ha vinto nel 2019) e soprattutto le ambizioni dell'eterno Lewis Hamilton. In terra italiana, il fuoriclasse britannico ha vinto cinque volte, proprio come il mitico Michael Schumacher. Attenzione, insomma, perché anche il classe ‘85 insegue un (altro) record da aggiungere alla sua collezione. Guai a fidarsi.

Notizie Formula 1

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus

Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.