Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Motori
  2. Formula 1

F1: ecco i team per il 2023

Scopriamo quali saranno le coppie di piloti delle dieci scuderie. Tutti all’inseguimento di Max Verstappen: riflettori puntati sul ferrarista Leclerc e sulle due Mercedes.

Il prossimo 5 marzo si torna a correre in Formula 1. Le scuderie hanno già ufficializzato le coppie di piloti che andranno a contendere lo scettro al Campione del Mondo Max Verstappen e alla sua Red Bull. Poche le novità: andiamo a vedere nello specifico chi saranno i protagonisti. 

Red Bull: Verstappen-Perez

Non potevamo che iniziare dalla Red Bull campione del mondo, che decide di andare avanti con il duo composto da Max Verstappen e Sergio Perez. Se l’olandese - capace di vincere 15 gare sulle 22 totali del 2022 - vuole confermarsi il più forte di tutti per la terza stagione consecutiva, il pilota messicano deve invece mettersi alle spalle un’annata segnata da un deludente terzo posto in classifica piloti, con tanto di sorpasso finale del monegasco Charles Leclerc.

Ferrari: Leclerc-Sainz

L’anno della verità. La Ferrari deve confermarsi squadra in crescita (parlano da soli il secondo posto alle spalle di una Red Bull insaziabile) ma adesso è chiamata al classico salto di qualità. Per questo, non sono più ammesse le imperdonabili (e lunghe) amnesie segnate da guasti meccanici, errori di strategia e giornate no dei singoli protagonisti. Nonostante i tanti alti e bassi, confermata la coppia di piloti, con Leclerc che nella scorsa stagione ha messo in mostra sprazzi di classe assoluta (due vittorie e 11 podi totali per lui) e un Carlos Sainz che si è mostrato spalla affidabile, riuscendo anche a vincere il suo primo Gran Premio in carriera, in Gran Bretagna.

Mercedes: Hamilton-Russell

Come le altre due big, la Mercedes conferma il duo composto da Lewis Hamilton e George Russell. L’obiettivo dei due è confermarsi in crescita dopo un finale di stagione di assoluto spessore: il pluricampione ha conquistato per tre volte il secondo posto negli ultimi quattro Gran Premi stagionali e vuole rifarsi dopo avere mancato l'appuntamento con la vittoria di una corsa per la prima volta in una stagione di Formula 1. Un successo, invece, per il collega Russell, quarto in classifica piloti alle spalle del trio delle meraviglie.

Alpine: Ocon-Gasly

Una novità, invece, in casa Alpine. La scuderia franco-britannica, nuova incarnazione della Renault, si affida a Pierre Gasly, reduce da un buon triennio a bordo della AlphaTauri: da segnalare soprattutto i 110 punti totalizzati nel 2021, con tanto di nono posto in classifica generale. Il primo pilota sarà ancora una volta Esteban Ocon, protagonista di un'ultima stagione nel segno della continuità e caratterizzata dall'exploit in Giappone (quarto posto alle spalle dei soliti Verstappen, Perez e Leclerc). 

McLaren: Norris-Piastri

Un volto nuovo anche in casa Mercedes: parliamo dell’esordiente Oscar Piastri, classe 2001 reduce dalla vittoria del Mondiale di Formula 2. Al suo fianco l’altro giovane (ma decisamente più esperto) Lando Norris, alla ricerca della prima vittoria in carriera, dopo il secondo posto conquistato a Monza nel 2021 e i cinque terzi posti raccolti nell'arco delle ultime tre annate.

Alfa Romeo: Bottas-Zhou

L’Alfa Romeo conferma invece il duo nel segno di Valtteri Bottas e Guanyu Zhou. Riflettori puntati sul finlandese, per due volte vice campione del mondo: l'obiettivo è conquistare almeno un podio stagionale dopo i troppi ritiri (cinque in totale) e gli appena 49 punti raccolti nel 2022. Deve fare meglio il cinese Guanyu, che nella scorsa stagione non è andato oltre l'ottavo posto in terra canadese.

Aston Martin: Stroll-Alonso

C’è grande curiosità intorno all’Aston Martin e al volto nuovo Fernando Alonso, che a 41 anni vuole vivere un’altra stagione da protagonista in Formula 1. Lo spagnolo vuole ripetersi dopo il buon biennio con l'Alpine: in entrambe le annate 81 i punti totalizzati, spesso e volentieri a ridosso dei big e con tanto di terzo posto in Qatar. Occhio, poi, al confermato Lance Stroll, che vuole mettersi alle spalle l'ultimo biennio e tornare ai livelli pre-2021, quando riuscì a raggiungere per tre volte il podio a bordo di Williams e Racing Point.

Haas: Magnussen-Hulkenberg

Nella Haas si rivede un vecchio protagonista come Hulkenberg: il tedesco vuole mettere fine alla sua personale "maledizione", essendo il pilota con il maggior numero di Gran Premi disputati a non avere mai raggiunto il podio. Al fianco del classe '87 c'è il danese Kevin Magnussen, nel 2022 protagonista di un ottimo avvio (quinto posto in Bahrein, nono in Arabia Saudita) e poi incapace di andare oltre il ruolo di comparsa del Mondiale di Formula 1.

AlphaTauri: Tsunoda-De Vries

Anche l'AlphaTauri conferma il suo pilota asiatico, il giapponese Yuki Tsunoda, protagonista di una stagione anonima (appena 12 i punti totalizzati). Al fianco del classe 2000 ecco Nick De Vries, campione in Formula E e Formula 2, l'anno scorso capace di conquistare la nona piazza nel Gran Premio d'Italia nel suo unico gettone con la Williams.

Williams: Albon-Sargeant

Chiudiamo proprio con la Williams, ultima scuderia nella classifica costruttori 2022. Confermato il thailandese Alexander Albon (solo 4 punti l'anno scorso), il volto nuovo è il 22enne Logan Sargeant. Lo statunitense è riuscito ad ottenere la superlicenza ed è pronto a vivere la sua prima esperienza in Formula 1 dopo le prove libere in Brasile e Abu Dhabi e i test a Yas Marina, sempre negli Emirati Arabi Uniti.

Notizie Formula 1

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.