Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Europa League

Europa League: Roma, contro il Leverkusen per la storia

I capitolini sognano di partecipare ad una finale europea per il secondo anno consecutivo. Alla squadra di Mourinho basta anche un pareggio dopo l’1-0 dell’andata. Tedeschi senza Schick e Andrich.

Evento: Bayer Leverkusen-Roma
Luogo: BayArena, Leverkusen
Quando: 21:00, 18 Maggio 2023
Dove vederla: Rai 1, Sky Sport, Dazn, NOW Tv

Il sogno è a portata di mano. La Roma di José Mourinho vuole realizzare l’impresa e partecipare per il secondo anno consecutivo ad una finale europea. Per questo, però, c’è da superare la resistenza di una squadra ostica come il Bayer Leverkusen, battuto nel match d’andata di Europa League andato in scena la scorsa settimana. 

Lo striminzito 1-0 dello Stadio Olimpico, nel segno dell’astro nascente Edoardo Bove, non fa certamente dormire sonni tranquilli in casa di una Roma che negli ultimi tempi - condizionata anche da tanti infortuni - è stata protagonista di una flessione clamorosa in campionato, come certificano i soli 3 punti totalizzati nelle ultime cinque gare. Una media da zona retrocessione.

Momento tutt'altro che esaltante anche per il Bayer Leverkusen, attualmente settimo in graduatoria in Bundesliga e dunque fuori da ogni discorso europeo. Pure i rossoneri non riescono a confermare gli ottimi risultati di marzo e aprile: si contano 9 vittorie e 3 pareggi in quel periodo, a fronte delle due sconfitte e degli altrettanti pareggi raccolti nelle ultime quattro gare.

Roma, Dybala dovrebbe iniziare dalla panchina. Dal primo minuto Wijnaldum e Abraham

Iniziamo dalla squadra ospite. I capitolini dovrebbero riabbracciare il difensore Smalling, che sembra però destinato alla panchina, mentre - sempre guardando alla difesa - figurano tra gli assenti i centrali Kumbulla e Llorente. Tiene banco, poi, la questione Paulo Dybala: il campione del mondo argentino non è ancora al meglio della condizione e difficilmente dovrebbe essere rischiato dal primo minuto. Più facile un suo utilizzo a gara in corso, come già successo nei quarti di finale contro il Feyenoord: in quella occasione, con i suoi colpi di classe, l'ex Juventus è stato prezioso negli scampoli finali della seconda frazione e nei due tempi supplementari.

In ottica formazione, la Roma dovrebbe scendere in campo con l’ormai collaudato 3-4-2-1: tra i pali riecco il portoghese Rui Patricio, a riposo in occasione dell'ultima gara di campionato con il Bologna (Svilar torna così in panchina). In difesa, anche alla luce delle condizioni tutt'altro che perfette di Chris Smalling, spazio ancora una volta al duttile Bryan Cristante, che dovrebbe agire al fianco del nazionale azzurro Mancini e di un Ibanez in cerca di riscatto dopo le recenti uscite a vuoto.

Nella zona nevralgica del campo, Mourinho dovrebbe optare per una soluzione più fisica: davanti alla difesa spazio all'esperienza di Matic e al dinamismo di un Bove che sta vivendo la stagione della definitiva consacrazione; qualche metro più avanti, come trequartisti non esenti da compiti di copertura, ecco il capitano Lorenzo Pellegrini e il rientrante Wijnaldum, che si candida ad un ruolo da protagonista dopo una stagione passata quasi interamente in infermeria. Sugli esterni, invece, è ballottaggio tra Celik e Zalewski a destra, mentre sulla sinistra è certo l’impiego di Spinazzola. In attacco appare scontato l'utilizzo dal primo minuto dell'altro inglese Tammy Abraham, con Belotti pronto a subentrare nella parte finale del match.

Bayer Leverkusen, Hincapié dovrebbe arretrare in difesa. In attacco la stella Wirtz

Assenze pesanti per i padroni di casa: i rossoneri devono infatti rinunciare anche a Kossounou e Andrich, che si sono infortunati proprio nella gara d'andata che si è disputata allo Stadio Olimpico; fuori gioco, poi, i lungodegenti Schick (ex giallorosso), Bellarabi e Lunev. Nel 3-4-3 del Bayer Leverkusen, ecco il portiere Hradecky e la retroguardia composta da Hincapiè (che arretra così il suo raggio d'azione, lui che di mestiere fa l'esterno) e dagli altri centrali Tapsoba e Tah. 

A centrocampo confermato Palacios, affiancato dalla novità Demirbay e dagli esterni tutto campo Frimpong e Bakker. In attacco riflettori puntati sull'idolo di casa Florian Wirtz (classe 2003, tra gli esponenti principali della nouvelle vague tedesca), mentre per le altre due maglie sono in lizza Hlozen, Diaby e l'iraniano Azmoun.

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.