Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Calcio
  2. Europa League

Europa League: dal Liverpool al Tolosa, tra sorprese (in negativo) e voglia di stupire

I Reds di Jürgen Klopp “costretti” a giocare nella seconda competizione UEFA dopo un’annata veramente difficile. Retrocessione anche per l’Ajax, mentre Atalanta e Brighton sognano di alzare la Coppa.

Sembra la Champions e invece è l’Europa League. Già ai nastri di partenza - e cioè prima dell’arrivo delle terze classificate dei gironi della massima competizione - la seconda coppa continentale si presenta nel segno di tante big pronte ad alzare l’ambito trofeo. In entrambi i casi parliamo di vere e proprie sorprese, o - per meglio dire - di protagoniste inaspettate: da un lato, infatti, troviamo compagini dalla grande storia costrette a ripiegare sull’EL dopo una stagione altalenante (vedi alle voci Liverpool e Ajax); dall’altro, alcuni club emergenti che vogliono imporsi finalmente tra i massimi esponenti del calcio europeo, Atalanta e Brighton su tutti. Ma andiamo per gradi.

Liverpool

Una delle grandi delusioni della scorsa Premier. A conti fatti, un’intrusa dell’Europa League. Il Liverpool, una delle squadre più titolate della storia della Coppa Campioni/Champions League, si ritrova costretta a ripiegare sul secondo torneo per importanza dell’emisfero UEFA. Insomma, la squadra di Jürgen Klopp è sostanzialmente fuori contesto e, dunque, non può fare altro che puntare alla vittoria finale. E non potrebbe essere diversamente, se pensiamo ad una squadra che può fare leva su alcuni dei giocatori più forti del panorama internazionale. 

Occhio, soprattutto, alla voglia di rivalsa di quei giocatori che nella scorsa annata sono sembrati lontani parenti di quelli visti fino a poco tempo prima: tra questi spicca, ovviamente, il centrale olandese Virgil van Dijk, apparso troppo lento e macchinoso con il club e la Nazionale; Attenzione, poi, all’uruguaiano Darwin Nunez, arrivato in pompa magna dopo le incredibili gesta con il Benfica e poi incapace di imporsi in Premier League. Stesso discorso per l'altro olandese Cody Gakpo, decisamente deludente nella sua prima (mezza) stagione con i Reds. Tutt'altra musica, invece, se si pensa all'ex romanista Mohamed Salah, probabilmente l'unico a garantire un rendimento da primo della classe anche quando le cose andavano per il peggio.

Ajax

Forse i Lancieri non dispongono delle stesse risorse economiche del Liverpool e, inoltre, parliamo comunque di una squadra che ha sempre messo i giovani davanti a tutto (anche al risultato, aprendo le porte a possibili stagioni negative). Tutto vero, ma dall’Ajax ci si aspetta sempre qualcosa di più: invece la squadra di Amsterdam non solo non è riuscita a confermarsi campione d'Olanda, ma è scivolata addirittura al terzo posto, precludendosi anche la possibilità di partecipare ai preliminari di Champions. 

Così, anche l'Ajax si ritrova a vivere in un contesto che non è il suo, dall'alto delle quattro Champions League vinte nel corso della sua storia. In fatto di uomini, i Lancieri stanno vivendo una vera e propria rivoluzione: tanti i big in uscita, da Kudus a Edson Alvarez, fino ad arrivare al rifinitore Dusan Tadic.

Atalanta

La vera mina vagante. In questo caso parliamo di una squadra che vuole finalmente recitare il ruolo di protagonista assoluta in una competizione europea. L’Atalanta di Gasperini ha tutte le carte in regola e questo nonostante un calciomercato che potrebbe essere segnato da cessioni eccellenti: riflettori puntati soprattutto sull’astro nascente danese Rasmus Hojlund, finito nel mirino dei top club di Premier e anche di una Juventus che spera di aprire un nuovo ciclo di successi.

Per il resto, le certezze dei bergamaschi sono rappresentate non solo dagli uomini (vedi i vari Musso, Scalvini, De Roon, Pasalic) ma anche e soprattutto dai dettami tattici del maestro Gian Piero Gasperini, sempre fedele al suo 3-4-2-1.

Brighton

Un altro italiano in panchina per la squadra più interessante della Premier League. Parliamo ovviamente di Roberto De Zerbi e del suo Brighton, che si appresta a vivere una stagione esaltante anche in Europa. Anche qui, prima di tutto viene il bel gioco, nonostante cessioni eccellenti (Mac Allister e probabilmente Caicedo) e un mercato inglese che riserva poche occasioni (le big di certo non regalano gli esuberi). De Zerbi, però, ne sa una più del diavolo ed è pronto a stupire ancora.

Tolosa

Se le quattro squadre che vi abbiamo proposto fin qui possono tutte puntare alla vittoria finale, il Tolosa invece può recitare il ruolo di sorpresa e può tutt’al più puntare alla top 8. I viola - vincitori dell'ultima Coppa di Francia - si affidano ai gioielli Thijs Dallinga e Fares Chaibi.

Notizie Calcio

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.