Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
Basket Generic 1450x680
  1. Basket
  2. Eurolega

Eurolega: i cinque giocatori da seguire in regular season

Dal capoverdiano Tavares al fratello di Antetokoumpo, ecco le stelle da tenere d'occhio in questa appassionante stagione sotto i canestri.

Evento: Eurolega
Luogo: Europa
Data: dal 5 ottobre 2023 al 26 maggio 2024
Dove vederla: DAZN, NOW

Il cammino nella regular season di Eurolega è lungo, l'ultima giornata è in programma il 12 aprile 2024, poi inizieranno i play-off (con la novità del play-in) e le magnifiche quattro qualificate si giocheranno il titolo nella Final Four di Berlino. Quali sono i giocatori da tenere d'occhio? Quali i campioni dai colpi più spettacolari e dalle giocate più intriganti? La lista di stelle e stelline delle diciotto squadre partecipanti è potenzialmente lunghissima, a nostro insindacabile giudizio ne abbiamo scelto cinque: ecco i nostri giocatori preferiti, quelli di cui non ci perderemmo una sola giocata. 

Walter Tavares (Real Madrid)

Il centro capoverdiano ha una storia curiosa e bellissima: fino a 17 anni non aveva mai giocato a basket, ha iniziato su input di un turista tedesco in vacanza a Maio, la sua isola, nel 2009, colpito dalla stazza del ragazzo che gli stava servendo un cocktail al bar. La sua altezza (221 centimetri) e la sua apertura di braccia (236) ne fanno un gigante, in tutti i sensi. Capace di diventare, a dicembre 2022, il giocatore con più stoppate all'attivo della storia dell'Eurolega. Il Real Madrid, in cui milita dal 2017 dopo le fugaci esperienze in NBA con le maglie degli Atlanta Hawks e dei Cleveland Cavaliers, è riuscito a tenerselo stretto in estate e ora Walter sogna un altro titolo coi Blancos dopo quello conquistato al termine dell'ultima, esaltante annata in cui ha rappresentato pure il suo Paese ai Mondiali.

Kostas Antetokounmpo (Panathinaikos)

Protagonista insieme ai vari Juancho Hernangomez, Grant, Sloukas e Vildoza della sontuosa campagna acquisti estiva del Panathinaikos, Kostas nella sua Atene vuole dimostrare di non essere semplicemente “il fratello minore” di Giannis e Thanasis. Ala grande di 208 centimetri, campione NBA nel 2020 coi Lakers (anche se in quella circostanza giocò appena quattro partite) e di Francia nel 2022 con l'ASVEL, Antetokounmpo torna a casa dopo un'esperienza non troppo esaltante al Fenerbahce. La presenza di tanti campioni in squadra può aiutarlo a sbocciare, ha 26 anni e non è ancora riuscito a dimostrare tutto il suo potenziale ma i numeri per incantare ce li ha tutti e ha le carte in regola per iscriversi al club dei più grandi. 

Kemba Walker (Monaco)

Fiore all'occhiello della campagna di rafforzamento del Monaco, squadra che l'anno scorso ha conquistato la Final Four, Walker sbarca in Eurolega per rilanciarsi dopo un'annata difficile vissuta con la canotta dei Dallas Mavericks, dove ha giocato davvero col contagocce. Playmaker dalla tecnica sopraffina, dalla visione di gioco lucida e dalla velocità impressionante, ha scelto di ripartire dall'Europa dopo aver toccato il punto più alto della sua carriera nel 2019, quando si guadagnò la chiamata di Popovich nel Team USA che avrebbe disputato i Mondiali. Le ultime stagioni gli hanno riservato poche soddisfazioni, l'ambiente tranquillo del Principato può rigenerarlo. Di certo un campione dai colpi così tempestivi si è visto raramente in Eurolega.

Nikola Mirotic (Olimpia Milano)

Dopo una lunga militanza in NBA, l'ala montenegrina di nascita ma spagnola per nazionalità sportiva ha ormai piazzato le tende in Europa, dove ogni anno figura puntualmente tra le stelle e i giocatori più rappresentativi dell'Eurolega. L'Olimpia Milano è riuscita a strapparlo al Barcellona e Mirotic, nelle prime uscite stagionali, ha già dimostrato di essere un punto di riferimento per il quintetto di Messina. Sa far tutto: tirare da fuori, da sotto, farsi valere sotto canestro, difendere con aggressività, ma la sua dote principale è la lucidità che non perde praticamente mai, anche nelle situazioni più complicate. Un autentico giocatore a tutto campo, ma soprattutto una stella capace di brillare nelle notti milanesi e di trascinare l'Olimpia sempre più avanti nel suo percorso nella competizione.

PJ Dozier (Partizan Belgrado)

Un po' play, un po' guardia, un po' ala. Soprattutto, un fior di campione. A 26 anni PJ Dozier ha scelto di lasciare la NBA (ha chiuso l'ultima stagione tra le fila dei Sacramento Kings) per vivere la sua prima esperienza in Europa, in una squadra, il Partizan, e con un allenatore, Obradovic, in grado di esaltarne le eccezionali qualità. Alto 198 centimetri, è in possesso di caratteristiche fisiche piuttosto inusuali in Europa per un creatore di gioco. Il suo arrivo a Belgrado ha acceso gli entusiasmi dei tifosi del Partizan, ora è pronto a deliziarli coi suoi numeri d'alta scuola, dalle triple impossibili agli assist a rapidissima velocità d'esecuzione, veri e propri marchi di fabbrica del talento originario della South Carolina.

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.