Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
Generic football
  1. Calcio
  2. Calcio Internazionale

Belgio-Montenegro: orario, analisi e probabili formazioni

Lukaku e compagni si preparano in vista degli Europei in Germania (primo impegno lunedì 17 giugno contro la Slovacchia). Dall’altro lato il Montenegro di Jovetic e Magusa.

Impegno tutt’altro che semplice per il Belgio di Domenico Tedesco, che mercoledì sera ospita una mina vagante come il Montenegro. Romelu Lukaku e compagni scendono in campo alle 20:30 per la classica amichevole di preparazione in vista di un evento importante, in questo caso gli Europei in programma dal 14 giugno in Germania. Un impegno, dicevamo, da non prendere sotto gamba: quella montenegrina è formazione che unisce qualità e potenza e che si affida ad un talento cristallino (per quanto sostanzialmente inespresso) come Stefan Jovetic.

Le probabili formazioni di Belgio-Montenegro

Belgio (4-3-3): Sels, Castagne, Debast, Vertonghen, Theate; Tielemans, Onana, De Bruyne; Doku, Lukaku, Trossard. Ct: Tedesco.

Montenegro (4-2-3-1): Sarkic, Vesovic, Vujacic, Rubezic, Vukcevic; Marko Bakic, Jankovic; Jovovic, Jovetic, Camaj; Mugosa. Ct: Prosinecki.

Dove si gioca la sfida tra belgi e montenegrini?

La gara si gioca allo stadio Re Baldovino, situato in quel di Bruxelles. L'impianto, inaugurato nel 1930 e ristrutturato in tre diverse occasioni (l'ultima nel 1998), può ospitare poco più di 50mila spettatori.

Dove guardare il match Belgio-Montenegro?

Sfortunatamente, nessuna emittente operante in Italia trasmette in diretta la gara tra Belgio e Montenegro.

Le ultime sul Belgio

Il Belgio vuole vivere un Europeo da protagonista e come al solito si presenta con un organico di tutto rispetto. Manca, però, un big assoluto: tiene ancora banco, infatti, l’incredibile esclusione del portiere Courtois, infortunato per quasi tutta la stagione ma recentemente protagonista dei trionfi del Real Madrid in Liga e soprattutto nella finalissima di Champions League. Il Ct Domenico Tedesco ha fatto altre scelte (Sels va verso la maglia da titolare), al netto del caos generato dalle dichiarazioni contrastanti delle parti in causa.

C'è da registrare, invece, il ritorno a sorpresa (dopo 2 anni) di Axel Witsel, ormai a suo agio nel ruolo di centrale di una difesa a 3: una scelta che sorprende, dal momento che il Belgio dovrebbe scendere in campo con un 4-3-3 decisamente offensivo. Non è da escludere, così, che Tedesco voglia proporre la colonna dell’Atletico Madrid nel suo ruolo originario di centrocampista, oppure di utilizzare una difesa a 3 in determinati momenti dei match.

In ogni caso, proprio in ottica formazioni, contro il Montenegro il Belgio dovrebbe proporre una retroguardia formata dai centrali Debast e Vertonghen e di due terzini noti agli appassionati italiani come Castagne e Theate. A centrocampo spazio a Tielemans, Onana e alla stella De Bruyne, che sembra ormai completamente recuperato dopo il lungo infortunio che ha condizionato la sua prima parte di stagione. In attacco, al fianco del solito Lukaku, ecco l'altro “Citizen” Doku e l'ottimo Trossard.

Le ultime sul Montenegro

Il Montenegro senza due big come l'ex viola Savic e il laziale Marusic. C'è, invece, la stella Stefan Jovetic, reduce dal clamoroso trionfo in Conference League con la maglia dell'Olympiakos, al cospetto della "sua" Fiorentina. In attacco spazio poi all'unica punta Stefan Mugosa, vera istituzione nazionale con i suoi 15 gol in 54 presenze. Solo panchina per Nikola Krstovic, reduce da una stagione dai due volti con il Lecce (7 gol totali e seconda parte decisamente deludente). A centrocampo tutto passa per i piedi di Marko Bakic e Jankovic, mentre a guidare la difesa dovrebbero esserci i centrali Vujacic e Rubezic.

Questi gli uomini chiave di un Montenegro che vuole dare seguito alle due buone prestazioni contro Macedonia del Nord e Bielorussia, con tanto di due vittorie, 3 gol realizzati e nessuno subito.

L'unico precedente nel 2012: terminò con un pareggio spettacolare

Le due Nazionali si sfidano per la seconda volta nella loro storia. Per l’altro precedente, dobbiamo tornare al maggio 2012, quando - sempre in amichevole - le due squadre furono protagoniste di un clamoroso 2-2 con reti di Mirallas e Hazard per il Belgio e del mitico Vucinic e di Drincic per il Montenegro.

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.