Vai al contenuto
Hillside (New Media Malta) Plc
VAI ALLO Sport di bet365
  1. Tennis

ATP Bastad: Ruud e Rublev si contendono il titolo

Niente da fare per Musetti in Svezia. A Gstaad finale tra Cachin e Ramos Vinolas; a Newport è Mannarino-Michelsen.

Una settimana ricca di tennis si conclude con le tre finali che coroneranno i campioni dei tornei di Bastad, Gstaad e Newport. Sulla terra rossa svedese si prevede grande spettacolo tra Casper Ruud e Andrey Rublev, mentre due (relative) sorprese si contenderanno il titolo in Svizzera, nella competizione che si sta svolgendo sulla stessa superficie: in questo caso parliamo di Pedro Cachin e Albert Ramos-Vinolas. Sull'erba statunitense, infine, il confronto decisivo vedrà opposti Adrian Mannarino e il padrone di casa Michelsen.

ATP Bastad: finalissima show, è Ruud contro Rublev

Evento: Casper Ruud-Andrey Rublev
Luogo: Bastad, Svezia
Quando: 14:00, 23 luglio 
Dove vederla: Sky Sport Tennis, Sky Sport Summer, SuperTennis

A Bastad, dopo una settimana intensa, a contendersi il titolo saranno Casper Ruud, testa di serie numero 1, e Andrey Rublev, che invece è partito con il seed numero 2 alla vigilia della competizione. Una sfida spettacolare della quale indubbiamente i tifosi italiani avrebbero voluto fare a meno: in semifinale il tifo è stato tutto per Lorenzo Musetti, che però, nel momento clou, è stato poco brillante e, alla fine, ha ceduto al norvegese in due set.

Finora è stato un Ruud smagliante al ritorno sulla terra battuta: il 24enne di Oslo e è stato quasi impeccabile nella sfida contro Musetti (soltanto una palla break concessa e prontamente annullata), che, colpevoli un paio di errori gratuiti e disattenzioni, non è riuscito a tenere il passo del rivale. L'italiano ci ha provato, specie nel secondo set, dove il break è arrivato nell'11esimo gioco, ma alla fine Casper ha chiuso al terzo match point e conquistato la seconda finale in carriera sui campi di Bastad.

Grande battaglia invece tra Andrey Rublev e Francisco Cerundolo nell'altra semifinale. L'argentino, campione uscente, non ne ha voluto sapere di cedere così facilmente il titolo conquistato lo scorso anno. Primo set chiuso al tie-break, così come il secondo (con esito opposto). Al terzo set invece il break è arrivato prima, al settimo game del parziale: Rublev ha tenuto poi la battuta per chiudere quindi la pratica dopo quasi tre ore di lotta.

Un occhio ai precedenti tra i due: sarà l'ottavo confronto, con Rublev nettamente avanti nei precedenti sette (5 a 2). Quattro dei cinque successi del russo, tra l'altro, sono arrivati proprio su terra rossa. L'ultimo match invece lo ha vinto Ruud in due set alle ultime ATP Finals di Torino del 2022.

Il baby Michelsen non si ferma più: a Newport è finale contro Mannarino

La storia più bella della settimana arriva però dai campi di Newport, unico torneo dei tre che si disputa su erba. Il protagonista è Alex Michelsen, 18enne numero 190 ATP, che appena al suo secondo torneo tra i "grandi" si ritrova già a giocarsi un titolo 250. Il cammino del giovane statunitense è stato davvero encomiabile: prima ko il campione in carica Cressy, poi l'australiano Duckworth agli ottavi, il connazionale e decisamente meglio piazzato McDonald ai quarti di finale e il veterano John Isner in semifinale. Una cavalcata che nessuno, nemmeno il più ottimista degli esperti, poteva immaginare.

Sta vivendo invece una seconda giovinezza in questo torneo Adrian Mannarino. Il 35enne francese ha vinto in semifinale il derby contro il connazionale Ugo Humbert, sovvertendo così le gerarchie, almeno stando al seeding. Dunque si presenta all'atto finale col morale alle stelle. Tra i due sfidanti ci sono ben 17 anni di differenza e, naturalmente, si tratta di un match completamente inedito.

"Sorprese" a confronto: a Gstaad la finale tra Cachin e Ramos-Vinolas

Evento: Pedro Cachin-Albert Ramos Vinolas
Luogo: Roy Emerson Arena, Gstaad (Svizzera)
Quando: 11:30, 23 luglio 
Dove vederla: SuperTennis

Le possiamo definire entrambe "sorprese", per motivi diversi. Alla fine a Gstaad, altro torneo dell'ATP 250 su terra battuta, il titolo se lo giocano in finale Pedro Cachin e Albert Ramos-Vinolas. Il primo arrivava a questo torneo dopo una stagione su erba tra giugno e luglio fatta appena di due incontri (e due sconfitte). Su questa superficie però si è ritrovato: quattro vittorie una dietro l'altra contro avversari di livello, quasi tutti posizionati meglio nel ranking, e nessun set perso. 

Dall'altra parte invece troviamo un Ramos-Vinolas in condizioni ottime, capace di sorprendere una partita dopo l'altra. Prima ha eliminato i due italiani Fabio Fognini e Lorenzo Sonego, quindi si è sbarazzato di Varillas, tutti in tre set. Poi, quando sembrava giunto al capolinea, ha dominato contro il serbo Kecmanovic vincendo in due set e conquistando il pass per la finale. Un confronto Argentina-Spagna che sarà completamente inedito: tra i due nessun precedente.

Notizie Tennis

Articoli collegati

bet365 utilizza cookie

Usiamo cookie per garantire un servizio migliore e più personalizzato. Per ulteriori informazioni, consulta la nostra Informativa sui Cookie

Sei nuovo su bet365? Effettua un versamento e richiedi il bonus

Registrati

Versamento minimo richiesto. Si applicano T&C, quote minime e limiti di tempo.